xprossimita
x150anni
xeuricse
xminiatura4.JPG
xatlante
xminiatura3.JPG
xminiatura2.JPG
xminiatura1.JPG

facebook
twitter
linkedin
ProfiloTWIR

I Nostri Contatti

Il Consorzio

Tel +39 0121377584
Fax +39 0121371342
Mail info@ideeinrete.coop 


Partita IVA 07543941004​

Sede legale: Piazza Buenos Aires 5 - 00198 Roma
Sede amministrativa: Piazza Terzo Alpini n.1 - 10064 Pinerolo (TO)​

 

 

© Copyright 2019 Idee in Rete. Tutti i diritti riservati​

Fuori Tema

17/04/2016, 08:01



Dal-codice-ne(g)ro-al-codice-gianduja


 Ci rendiamo conto che sparare



Ci rendiamo conto che sparare sulla Croce Rossa sarebbe più audace. Ma non è solo per divertimento che insistiamo:sollecitare e eccitare i peggiori istinti dei cittadini per finalità elettorali è quanto di più deprecabile si possa fare in politica. E quindi lo merita.

Puntata precedente: qualche settimana fa avevamo sbertucciato il candidato a sindaco di Torino Roberto Rosso intenzionato a quanto pare a introdurre un apposito "codice negro" per dare la precedenza agli italiani negli ospedali e negli altri servizi pubblici.



Sarà che ci ha letto - anche perché da quanto si può trovare in rete siamo non sono stati in tanti a contestare con una certa risolutezza il carattere razzista di queste scritte - sarà telepatia, il nostro campione ha sostituito la scritta!

Infatti in questi giorni la nuova ondata di manifesti è in tutto simile alla precedente ma - oltre a rappresentare il Nostro con un sorriso compiaciuto per la nuova trovata - recita "Ospedali, asili, case popolari: precedenza ai torinesi" (e non più a tutti gli "italiani", quindi).
Tralasciando i casi in cui ciò è già previsto (come è ovvio che sia) dai regolamenti comunali (asili - case popolari); il candidato ha in mente evidentemente agli ospedali, dove gli è stato riferito che oggi in caso di necessità oltre ai negri curano addirittura anche comaschi, bolognesi, fiorentini e altri usurpatori dei diritti degli autoctoni.

Essendo un candidato particolarmente sfortunato inonda la città di questi manifesti il giorno in cui Quotidiano sanitàdocumenta che il Piemonte è tra le Regioni con mobilità sanitaria passiva, in cui cioè è prevalente il flusso di cittadini che vanno ad affaticare i presidi altrui piuttosto che quello contrario (e anche se il candidato potrebbe esserne rassicurato in realtà non è che ci sia da vantarsene).

Eviteremo future critiche, non farebbero che peggiorare ulteriormente la situazione.


1

Developed by èbbene comunicazione di prossimità

Create a website